Cerca nel Sito


fregio
-------------

Ceramiche La Grotta Antonio

E' nell'artigianato che, in contrapposizione alla smisurata produzione industriale, alberga la fiamma vitale creatrice, dell'uomo comune: non del grande artista, non del genio capace di interpretare le grandi sagome della storia, ma del piccolo industrioso artigiano, che si affida alla maestria conquistata con secolare esperienza, in cui si condensa la propria vita e di chi lo ha preceduto; questo lavoro lento, che ha gli stessi ritmi biologici della natura, a misura d'uomo, non sarà mai sostituibile dalla produzione in serie, lì ci sarà il segreto della bellezza non riproducibile, la sorpresa del risultato di tanto affanno. Nel libro dei morti custodito negli archivi della Collegiata di Grottaglie, compare il cognome "Della Grotta" nel 1601. Ma esso, palesemente legato al toponimo Grottaglie, e alla peculiare caratteristica del territorio circostante, le grotte, è certamente più antico. Nella tradizione degli atti notarili, quando si indicava un possessore di grotte si intendeva possessore di una fabbrica di ceramica. E dunque sin dalle origini il nome "Della Grotta", porta in sé i segnali dell'appartenenza al nostro territorio, dal punto di vista della conformazione geografica, e da quello dell'arte. 

Antonio Ciro La Grotta (1836) dall'unione con Maria Teresa Rosati nacquero: Giovanni La Grotta (1874 - 1939); Michele La Grotta (1876 - 1957); Francesco Giuseppe La Grotta (1882 - 1950), maestro "capasonaro". Quest'ultimo, nel 1909 sposò Maria Mutata D'amicis (1890 - 1984), dall'unione nacquero quattro maschi e quattro femmine; nel 1914 nacque Francesco, nel 1919 Ciro, nel 1922 Vincenzo, nel 1926 Ciro. Tutti e quattro i maschi hanno lavorato nella bottega diventando maestri tornianti; dal 1950 al 1985 l'ultimo nato, Ciro, diventò titolare della bottega perfezionando la produzione curandola particolarmente nelle forme e nei rivestimenti, riscontrando notevole successo in campo locale e nazionale. 

Dal matrimonio con Giuseppina Annicchiarico (figlia di un maestro torniante) nacquero Francesco Giuseppe (1955), Maria Antonietta (1957), Antonio (1964), quest'ultimo oggi continua la fortunata tradizione; attualmente nella bottega La Grotta si producono oggetti di pregevole fattura, pubblicati sulle migliori riviste di oggettistica d'arte. Ha partecipato in varie mostre nazionali ed estere ed è stato premiato in varie occasioni, proiettando lo stile particolarmente ricercato verso una clientela sempre più esigente e selezionata.

Ceramiche LA GROTTA ANTONIO
Via Leone XIII, 9
74023 - Grottaglie (TA) 

Tel. 099.566.16.32 
Sito Web: www.ceramichelagrotta.com

email: info@ceramichelagrotta.com

^